.
Annunci online


Add to Technorati Favorites



10 dicembre 2007

Sundaycoon cooltura. Rebus. Al Dolce Bar Bene, Kaye, Moehringer, Greenaway, giornalismo e politica










N°6 FALL 2007
sundaycoon cooltura
Ah que rebus!
¶C
hiunque è in grado di essere un
idiota restandosene quieto e scioperato
C.B.



(*) devo scovare questo Felipe Arcenciel voglio farmi raccontare
da lui come ci si sente dopo che una morta ti ha fregato le gambe


IN QUESTO NUMERO
.1 rebus coolturale con Moehringer, Bene, Danny Kaye e Greenaway.
.2 rebus giornalistici con Michele Serra e Karlheinz Stockhausen
.3 rebus politici
.
.5 per una mappa delle follie architettoniche, geografiche e toponomastiche italiane
. 1 Senza per giunta trascurare il fatto che sulla scorta insana di precedenti illustri la massa degli addetti al sacrificio è spesso incauta vittima di alterazione psichica stordimento alcolico o narcotico fino alla più gratuita autodistruzione. Frecce infuocate? Gare di autoscontro? Torte in faccia? Sembrava allo stesso tempo infantile e sinistro, come la festa di compleanno di un bambino su una nave pirata e mentre gli zoccoli del suo morello Argentovivo facevano patapum patapum patapum lo Smilzo, l' uomo più temuto a ovest del Pecos, cavalcava nella Gola della Morte: «Non la toccherei se fossi in te Tommy..» «direi le mie orazioni se fossi in te Tommy» «No ti prego Smilzo, ti prego non colpirmi più» scoprendo uno scheletro con due gambacce di ferro per giunta destinate a un certo Felipe Arcenciel ...e adesso (*) [Che rebus!]




A) Ti avevo già parlato del Tender Bar di JR Moehringer poi appena tradotto in italiano - da Annalisa Carena - te lo segnalai brevemente con il discutibile titolo (ma la colpa non è della Carena) "Il Bar delle grandi Speranze".Qui lo si cita poi ti si invita a leggerlo se te l' eri perso da Hyperion nel 2005. Moehringer Pulitzer 2000 è irrilevante e fottitene se leggi ch' è "romanzo di formazione": cacchetta critica per malati di Cornish Syndrome, devo invece dirti che wows you e che ti piacerà. Un assaggio del Dickens? ecco:
«...a bar that would cater to Manhasset's multiple personalities. A cozy pub one minute, a crazy after-hours club the next. A family restaurant early in the evening, and late at night a low-down tavern, where men and women could tell lies and drink until they dropped. Essential... was the idea that - quel bar - would be the opposite of the outside world. Cool in the dog days, warm from the first frost until spring. »

















































REBUS di Paul Earl of Asti
Cercando di te in un vecchio caffè

ho visto uno specchio e dentro

ho visto il mare e dentro al mare

una piccola barca per me.

Per farmi arrivare a un altro caffè

con dentro uno specchio che dentro

si vede il mare e dentro al mare

una piccola barca pronta per me.


Ai che rebus, ah che rebus

Da, da da…


Ma poi questo giro in cerca di te

è turistico, ahimè, e mi accorgo che

chi affitta le barche è anche

il padrone di tutti i caffè

e paga di Qua e paga di là

noleggia una barca e prendi un caffè

ah, è meglio star Qui a guardare

i pianeti nuotare davanti a me…

…Nell' oscurità del rebus


Ah que rebus…

Da, da, da…

Bibliografia, citazioni & upload(z) per 1.

B) Qui è per Bene Carmelo. «je suis jeune et triste hélas...» metronomo per cazzoni te l' ho caricato in Youtube CLICCA QUI o su pic a sinistra!
«dall' ansia individuale d' esprimersi ... ma se codesto chiamiamolo risultato artistico è così vilmente subordinato al successo decretato dalla visione altrui e all' apprezzamento critico la fantomatica aristocrazia del simbolico lavoro è degradata a vilissimo posto di lavoro se non addirittura svergognata a dopolavoristico galeotto sollazzo» e continua su e tu sai dove! Et patati et patata.

C) Due film per un capodanno antiquato. La coons' nation, che non festeggia il dio Mitra o Yule o Natale o Hanukkah e che, strafregandosene delle tradizioni romane, del "Natalis Solis Invicti" di Aureliano pensa tutto il male che può, è però sensibilissima al capodanno di chiunque, New Year’s Eve compreso a Chinatown NY che nel 2008 sarà il 6 febbraio, con porco che se ne va e comincia il topo. E per capodanno ti consiglio due film - succitati nel rebus - con un mezzo secolo in mezzo. Chiosatrice/ore attenta/o del bel libro su Bollywood "Making Meaning in Indian Cinema" (2001) sai già che Ravi Vasudevan cita A Zed & Two Noughts di Peter Greenaway tacendo il "The Secret Life of Walter Mitty" di Norman McLeod. E questo è il lato indiano del rebus. Fammi aggiungere 3 o 4 cose:

-Anche se, come me e come avrebbe voluto Greenway in un primo tempo, farai finta di vedere Isabelle Ann Huppert al posto di Andréa Ferréol lo Zoo di Venere (A Zed & Two Noughts) non ti dirà come si sentiva Felipe Arcenciel (no non c' entra col simbolo della Cosa Rossa afalce e amartello) dopo che una morta gli fregò le gambe.
- Si sconsiglia la visione del film agli escargots-eaters
Passando all' altro:
- Secondo la vecchia amica Dorian il posto chiave del film Sogni Proibiti (The Secret Life of Walter Mitty) è a Riverdale nel Bronx e anche suo marito la pensa così.
- Danny Kaye (David Daniel Kaminsky ebreo ucraino nato a Brooklyn) poi la polposa algida Virginia Mayo, Boris Karloff, Fay Bainter, Ann Rutherford per non parlar di McLeod fecero incazzare non poco James Thurber, l' autore del libro da cui il film fu tratto. Tanto per capirci con un esempio: al Walter del libro le palle le sfracellava la moglie, a quello del film la mamma. Et cætera...

Li ho iùtubati per te, cliccali: da sinistra Carmelo Bene in carmelo bene, al centro Walter lo Smilzo poi a destra con colonnato
Ann Huppert, pardon! Andréa Ferréol







3 REBUS POLITICI




I - Se tu fossi Walter Veltroni
pensi che capiresti alla prima quello che dicono Mitt Romney, Barack Obama, Rudy Giuliani, Hillary Rodham Clinton, Mike Huckabee e John Edwards oppure quello che pensano la Bindi, Mussi, Dalema, Marini, Giordano, Prodi, Dini, Bersani, Angius e Mastella?

II - Se tu fossi la Brambilla o il Berlusconi avresti rottamato una "Fini & Casini" del 2006 per comprarti una retrò "Santanchè-Storace" del 1938 (pro- memoria clicca qui)?

III - presidenziali USA 2008: un bel rebus. Fosse sincero l' ultimo Zogby Poll del 26 novembre Hillary Clinton perderebbe contro qualsiasi candidato republican, Obama vincerebbe contro tutti, anche occhèi Edwards che batterebbe tutti ma pari solo con McCain. Se vuoi seguire a NYC (però in francese) un' osservatrice attenta anche agli attacchi dei candidati del GOP ai laici click West Wing di MARIAPIA! E se vuoi stare in campana sui poll di Zogby International 901 Broad Street, Utica, New York 13501 USA 1600 K Street, Suite 600, Washington, DC 20006 USA clicca qui o giù




2 REBUS GIORNALISTICI

I - Perchè Michele Serra Sabato 8 Dicembre ha inspiegabilmente scritto un' Amaca stupida? Sarà colpa di uno stoccafisso brandacujun mangiato il Venerdì? Ah saperlo!

II - Karlheinz Stockhausen. Apparte il fatto ch'è morto - e un originale ricordo lo trovi qui da SottotettiGiuseppe.ilcannocchio - mi e ti ricordo di 9.11 quando il 73enne 'esploratore' musicale dichiarò: « ...plan appeared to be Lucifer's greatest artwork... ». Perchè un esercitante la più antica pre-fessione del mondo pensò di omettere quel "Lucifer's" con il bel risultato che puoi intuire anche tu?


Nella foto vedi Karlheinz Stockhausen che prende il Polar Music Prize dal re di Svezia (a destra). Ma se ci clicchi su vedi e senti
sei archi nel suo Set Sail For the Sun (parte al buio).




REBUS ARCHITETTONICI, DI
RIUSO E/O TOPONOMASTICI

I - Perchè a Napoli (e solo a Napoli che io sappia) trovi palazzi svuotati e trasformati in sola tromba di scale per l' accesso ad altra strada in quota? Scelte urbanistiche per favorir mariuoli e Totò? Dal ponte di Chiaia al centro come in un tardivo Cabaret Voltaire di Zurigo o cosa? La domanda è rivolta agli amici napulitani che frequentano questo blog (a partir dal Socio GDS e da Francesco Nardi).

II - Perchè a Genova Nervi sulla passeggiata Anita Garibaldi la cinquecentesca Torre del Fieno (foto sotto) ospita l' Associazione Nazionale Alpini? Punto di vista obbligato per dipinger marosi (anche sospettato di suggerimenti - il muraglione - per almeno una delle 'Villa am Meer' di Arnold Böcklin) è frequentato da utenti d' alpenstock. Segno di un qualche disturbo di spiazzamento geografico è in un qualche rapporto con i gusti della borghesia genovese che al blu preferisce il loden danubiano-sudtirolese con cappellino sempre loden e piumetto di gallo cedrone? La domanda è rivolta a conoscenti e amici liguri ( a partir dai topgonzo: Erasmo e soprattutto Red. Cac.)



TU QUI PUOI AGGIUNGERNE ALTRI
( per una mappa delle follie architettoniche,
geografiche e toponomastiche italiane)

III - sogniebisogni.ilcannocchiale.it [CLICK!] 
Per ora mi limito a chiedere ai milanesi
se mi spiegano perche' in Piazza Buonarroti c'e' il monumento a Giuseppe Verdi e davanti alla Scala invece c'e' Leonardo da Vinci...forse accostando pittori e musici volevano dare ragione a Montale quando scriveva "si esauriscono i corpi in un fluire di tinte: queste in musiche", ma Montale anche se scriveva in Via Solferino era comunque un ligure fatto e finito...
CLICK PER:
Carmelo Bene
Danny Kaye
Peter Greenaway
Clicca Aitub e vedi il mio youtube account: Music, movies & pets .













12 ottobre 2007

Da lettere a belly dancer e a brain model scripta volant lontano Nolita non ionia Bazarov e Krilla in più

Lettera per Carmela, belly-dancer al Village, & Nina, brain-model in viaggio

PIÙ DUE SPERATI RITORNI AL CANNOCCHIO
(Il nipote - prodigo di referendum - Bazarov e la nipote Krillix)
poi anche un Baz anticipante in coda al Rocking Auden Award 2007
Mie care. Il vecchio è screanzato quel tanto che basta a scrivere per tutte due le stesse cose. È un fatto! E d' estate mi siete tanto mancate.
Siete per me intercambiabili, quella che cammina arretrando/parlando muovendo le mani nel vento inaspettatamente asciutto di simil boulevard che sente di primo autunno, Woody Allen, 125ma st o bastione, l' altra con la fronte abbassata sul libro che sta leggendo in viaggio - in treno o in volo stessa cosa - e che ogni tanto alza la testa e nasconde un sorriso. Distinguo l' una dall' altra solo per piccoli dettagli visto che siete del sud e oceanine di opposte  sponde  parlate con lo stesso accento quasi toscano e perchè egualmente responsabili una del mio arrivo l' altra del mio restare tra i blogger(z).Vi scrivo di bloggin'. Vi intrigherà. Spero.

Blog(z) manent scripta volant, lontano:

L' orale sapiente, che sapeva volare oltre l' autoreferente degli scriventi leggenti, nel periferico quartierino di short memory ch'è il bloggin' dove nessuno legge i post di un'ora prima se secondi in homepage, ha ceduto le sue qualità alla stampa, agli scripta del giornalismo cartaceo. Sì! E non lo dico per simpatia, ma perchè ragiono in termini di "duro che duri".

Due esempi. Il primo, riguarda Krilla e Ann Coulter, la polemista. Krillix, ch'è a destra con la Brambilla, ogni tanto scrive di Ann sul blog: qualche commento e poi via dimenticandocene. Però il 9 ottobre, con 4000 battute per il Giornale sull' ultimo libro "If Democrats Had Any Brains, They'd Be Republicans", è riuscita a regalarci una Coulter "the left's worst nightmare". Questo regalo resterà vivo sul sito del Giornale perchè chi cercherà con Google.it "Ann Coulter" trovandolo lo leggerà, solo su un blog invece, perchè datato 9 ottobre 2007, sarebbe già stramorto.

L' altro esempio è di critica letteraria e riguarda un articolo del nipote Bazarov pubblicato dal Rifo il 7 febbraio 2007 (8 mesi fa!). Me l' ero perso ma Baz ha voluto aggiungermelo in commento nel post giocoso che prendendo due cavalli con una postata festeggiava il centenario della nascita di Auden nei giorni del trentaquattresimo della sua morte con un rockin' centaur dalla faccia di Wystan Hugh. Un vecchio articolo quello di Baz che metto qui sotto perchè voi due lo leggiate un po' impaginato. Un vecchio pezzo cartaceo che però a cinque ore dal taglia incolla ha registrato giù il primo commento sul post - è stata nefeli a farlo - che parlasse anche di qualcos' altro rispetto alle proprie giocate.


del 7 febbraio 2007
(Pezzo su "zio" Auden di) Antonio Funiciello

Quando poche settimane fa The Indipendent lanciò l’allarme, molti nel mondo letterario anglosassone si sentirono interpellati: l’Inghilterra ha già dimenticato Auden e le celebrazioni del suo centenario rischiano di passare in gran sordina. Il poeta le cui opera concorre al successo dei film inglesi (si ricordi la sua Funeral Blues in Quattro matrimoni e un funerale), l’autore della poesia 1 settembre 1939, che New York scelse di cantare per rimettersi in piedi dopo l’attacco dell’11 settembre («…l’indicibile odore della morte / offende la notte di settembre»), è stato già dimenticato dal paese che gli diede i natali, l’Inghilterra, e da quello che lo accolse come suo nuovo cittadino, gli Stati Uniti d’America: il percorso inverso di Thomas S. Eliot.

A consultare il sito della Auden Society (audensociety.org) però, quell’allarme non pare molto giustificato. Da York, dove è nato il 21 febbraio del 1907, e da Durham e Londra, attraversando l’atlantico verso New York , New Haven, e risalendo la East Coast fino in Canada, il mondo che parla inglese non sembra affatto essersi dimenticato di Wystan Auden. E l’impressione è che voglia ancora parlare con lui.

Berardinelli ha scritto che il poeta Auden è soprattutto un uomo che parla e la sua poesia non è che un continuo commento alla realtà. Una tale, audace consapevolezza del distacco plastico tra linguaggio ed essere, un tale oggettivo ribaltamento della prospettiva estetica heideggeriana, ha avuto un’eco che ancora oggi si avverte in molta poesia contemporanea. Per quanto, in verità, i poeti d’oggi vivano generalmente questo distacco con un’immediatezza stilistica e un pressappochismo retorico che non sarebbero affatto piaciuti a Auden. Il suo relativismo estetico è difatti profondamente pensato. A leggere i suoi saggi editi in Italia da Adelphi (anche le recentissime e brillanti Lezioni su Shakespeare) ci si accorge di quanta poca fiducia egli riponga nella possibilità di essere compreso, di come anzi la conoscibilità dei suoi versi sia l’ultima delle preoccupazioni che agitano il suo animo di poeta. Auden vuole che la sua poesia parli agli altri e immagina che ciò sia possibile proprio a scapito della comprensione.

Da Eliot aveva imparato, dopo essersi agilmente sottratto al pantano ideologico (mezzo freudiano, mezzo marxista) dei primi anni, la lezione sull’impersonalità dell’opera d’arte. Ma mentre in Eliot essa è la premessa ad una ontologia estetica che finisce (ambisce) spesso a perdere i contatti con la realtà e si eleva su un piano superiore per legiferare, in Auden resiste ad ogni mistica forza o debolezza. Per lui la poesia è impersonale perché il significante ha molto meno che fare col significato e la sua comunicazione di quanto la semiotica pretenda. Questa vertigine che condivide il poeta in bilico come un saltimbanco sul filo teso che sovrasta l’abisso tra linguaggio e realtà, consente ad Auden di non perdere mai quella prodigiosa ironia che ha imparato da Kierkegaard e che Eliot smarrisce nella cristologia dell’ultima fase della sua opera. Così può schernire Shelley e i suoi “misconosciuti legislatori del mondo” «che può essere la definizione dei membri della polizia segreta, ma non quella dei poeti».

Auden è veramente un poeta diverso. La sua poesia è un lungo, ininterrotto discorso, che può modificare per strada tono e finanche registro, per quanto riesca a non infrangere mai la sua costitutiva unità discorsiva. Il poeta parla ai suoi lettori sapendo di avere interessi differenti dai loro, interessi che possono coincidere solo per caso, ma è in fondo meglio per tutti che non coincidano mai. Gli interessi più vari animano una poesia irregolare in maniera regolarissima, che mentre dice, si pensa, e fa tesoro nel prosieguo della sua meditazione. In questo Auden somiglia molto a Bellow: un narratore per cui la riflessione è costantemente congruente alla rappresentazione. Non deve sorprendere l’accostamento tra prosa e poesia. Perché il discorso poetico di Auden è prosastico, sebbene intenda sempre fare felicemente i conti con i modelli e le prescrizioni della metrica: «Benedette tutte le leggi della metrica che vietano risposte automatiche: / ci costringono a una riflessione, liberando dalle pastoie dell’Io».
Esattamente quello che poco si fa oggi. Picasso arrivò a dipingere come Michelangelo, prima di scontare l’insoddisfazione per la figura e il suo universo di significati, che non gli comunicavano più un senso. Solo allora si diede a scomporre quell’universo di forme per ricomporle a suo piacimento e rinvenire il senso perduto. Auden fa lo stesso con le leggi della metrica. Le conosce così perfettamente da potersi adoperare nella loro dilatazione con tutto il vigore di cui è capace. Ogni sua composizione è un anello di gomma di cui egli sperimenta fino allo stremo l’elasticità. E il miracolo di Auden consiste nel riuscire a provare la capacità elastica di ogni singola poesia fino a intrecciarle l’una con l’altra, come una catena, per garantirsi al fine l’unità del suo discorso poetico.

«E gli scrittori in politica?», gli chiese Michael Newman in un’intervista rilasciata poco prima di morire. Risposta: «L’arte non può nulla. La storia politica e sociale d’Europa sarebbe la stessa anche se Dante, Shakespeare, Michelangelo, Mozart, eccetera non fossero vissuti. Un poeta, in quanto tale, ha un solo compito politico: quello di dare l’esempio nell’uso appropriato della propria lingua madre». Il poeta è l’individuo che per definizione non può cedere alle lusinghe della realtà. Parafrasando Pessoa, Auden sembra dirci che la sua patria è la lingua inglese e la sua intera esistenza si è esaurita nell’esercizio dialogico istituito dal monologo discorsivo della sua poesia. Forse Auden attende che gli si risponda, che ci si incarichi di ricambiare l’attenzione che egli ci ha rivolto. La sua poesia è la prima lunga battuta di uno scambio che deve ancora cominciare. Uno scambio iniziale, come quello dei due primi ateniesi curiosi l’uno dell’altro, che conversando amabilmente nell’agorà considerarono l’ipotesi che l’altro, a differenza di sé, potesse essere nel giusto. Lì cominciò quello che oggi, seppure con tanta fatica, continuiamo a chiamare Occidente. A cento anni esatti dalla sua nascita, l’ironia di Auden suggerisce che a quel dialogo iniziale bisogna tornare e in esso sostare a lungo: «Si parla con persone a cui si ha qualcosa da dire: in questo modo le cose filano più lisce. E io credo che il prerequisito fondamentale della civiltà sia la capacità di condurre una conversazione educata».



Care Nina e Carmela
Vi penso 'sedendomi' accanto a una Solitaria figura a Teatro davanti a un sipario calato, quella cosa grigio argento larga un palmo ch' è a Whitney Museum e che di Hopper è di gran lunga il mio quadro preferito. Una figura buona almeno per noi tre e nella quale anche tu Nina mi hai confessato di identificarti. Quadro che solo io in Web metto così grande e qui: largo la metà dell' originale. (US Code, Title 17 which allows..)







Con fiato/gia[z][z] niuiorchese - so che vi piace - hugz' n' kisses dal sempre vostro (di voi due intendo) Coon
Soppy Raccoon - Schmalz dealer since 10/4/2004.
Arbutus berries (corbezzole), jujubees (giuggiole)
near RIOC, 59th St. and 2nd Av. NY 10022.
Roasted chestnuts, Carmine St. NY 10014.

E se non volete far wallflower lo balliamo..

Gerry Mulligan Lonesome Boulevard Wallflower 




Aggiornamento Partito Democratico:
per il gran successo di Walter e Dario
billy the coon ci mette anche la faccia
clicca e commenta qui!













9 ottobre 2007

premiazione, chi ha vinto la cavalla da Musèe des Beaux Arts di Wystan Hugh con ROCKING AUDEN Award 2007 validi per i prossimi 100 anni.

IL BLOG PREMIO PER IL 2007
PRIMO CENTENARIO DI AUDEN

W. H. Auden, niuiorchese (Lower East Side). Ma nato a York
(Inghilterra), 2 / 21 / 1907 - morto a Wien, 9 / 29 / 1973

¿ Nato da "..the torturer's horse scratches its innocent behind on a tree.." di Wystan Hugh e da un' idea audeniana di Gippa il gioco, che ha avuto pubblico da stadio, più di cento commenti e tanti giocatori, era piuttosto cool-turale e si è svolto in momenti difficili.

----- Ma se la stagionale ripresa di Striscia la Notizia con i grandi Greggio e Iachetti ha punito "la cavalla di Auden" solo in prima serata, le scontate riedizioni di serial musi-mediatici (TV, Blog, giornali, Piazze) con caratteristi buffi alla Vespa, Santoro, Grillo, Mastella, Bertinotti, Di Pietro, Diliberto, Travaglio, Pardi &c non c' han fottuto in audience. Perchè mai tanta middle-class italiana sceglie di celebrare uno dei Poeti-più del '900 schifando gli stanchi imitatori del peggior De Curtis da Napoli e del miglior Moretti nato in Val Pusteria? Quando ha capito che se fra 50 anni i musi-vendoli di oggi non se li fileranno nemmeno gli eredi diretti, Auden come tanti altri poeti, scrittori, pittori e musicisti saranno freschi - un' ora pescati! - per i nostri "figli dei figli"?
HANNO VINTO
IL ROCKING AUDEN AWARD 2007..



---

..epperciò possono esporre, per non più di cento anni, il premio sopra e/o il Certificate Award su blog, porta di casa e parabrezza dell' auto (nella dimensione preferita, grande download, media download o piccola download) anche con warning dichiarante più o meno: "ho vinto, con soli altri venti sulla Terra,
l' Auden-a-dondolo perchè ho festeggiato con fantasia, cultura, wit e buon gusto cine-pittorico il centenario della nascita
di Wystan Huges Auden, Poeta niùiorchese nato a York".

I vincitori sono inoltre tenuti, per 100 anni e ogni qualvolta si rechino a Manhattan, a immaginarsi la giocata di Mario Maffi nel libro "L' isola tra le colline" dipingendosi buonpeso la più bella cosa su Auden (in assoluto) riportata sul dorso basso del blog: "..dove per tanti anni aveva abitato il poeta W.H. Auden e nell' immaginarlo ciabattare - i piedi doloranti nelle grosse pantofole - attraverso le stanze ingombre di libri del suo appartamento, preso dalla stesura del libretto per il Rake' Progress di Stravinskij , o navigare britannicamente distaccato - la faccia rugosa, ogni linea un verso - nella psichedelica confusione degli anni sessanta.." (..segue in basso a destra sul blog, invece la leggi tutta in Mario Maffi, "NEW YORK, L' isola tra le colline" Feltrinelli 2003).

E finalmente clicchiamo - dal/la più recente al/la più antico/a - i vincitori:

prof. Dagobertis, Sogniebisogni, Alba: i ciechi e l' elefante, Serafico, Vecuvia, Eco di Sirene, PasqualediGennaro, Le Specchio, Marzia bloggerperfecto, Alcestis, Numerabile, NickFalco, Gippa senza blog, UnaPerfettaStronza, IlFineGiustificaIlMe, Egine, IlMale, Desiderius, Raccoon, Nefeli.


Per tutte le giocate
CLICCA QUI!



3, diconsi ben tre Press announcement(s).

.1 È ritornata a postare la preziosa ragazza del noir, cannocchio blog gialloenero. La ricordo come la sola italiana letta che abbia chiaccherato in Val d' Aosta con l' adorata Jenny Siler (aka Alex Carr) da Missoula, Montana: 'Easy Money' ('99), 'Iced' ('00), 'Shot' ('02), 'Flashback' ('04) e 'An Accidental American' ('05). Glorifica la sua rentrée andando a trovarla CLICCA QUI!

.2 È in corso di preparazione l' atteso - a fine ottobre - n° 0 della non-rivista SognoGrandHotel che "sente" anche di Hush-Hush, Bolero Film, Oggi, Gente, Sorrisi e Canzoni TV, Tipo, Stop, Chi, Confidenze, Intimità &C. La futura redazione aspetta consigli, proposte giudizi e offerte di collaborazione pagata ma in link..

.3 Primarie Partito Democratico in Italia. Soppy raccoon, Billy the Coon (cugino cowboy di soppy raccoon, part time bounty killer e noto autore di "Detti e contradetti da Glacier National Park, Mt") et le pata-politicien connu sous son nom de blogger PhilipMazzei voteranno tutti e come un sol uomo per WALTER VELTRONI. Ma. Avendo in uggia e antipatia quella pervertita pratica definita dai più "proselitismo" (comunque mascherata) - sempre come un sol uomo - dichiarano che del tuo bel voto o della tua astensione e del tuo giudizio sulla loro scelta politica e partitica ai tre non frega assolutamente nulla. In fede.
sempre tuoi
soppy raccoon, billy the coon & philipmazzei

Clicca Aitub e vedi il mio youtube account: Music, movies & pets.























sfoglia     novembre        gennaio


Ultimi post. Profilo di raccoon.
    Visto 1 di volte dal 4 ottobre 2004


RACCOON, caldarrostaro.
PHILIP-MAZZEI, Politica - Politcs.
CHAT, Gossip(z) & Chat(s).
AOL journals: HAYEDID

al Central Park adesso

RUBRICHE
Diario
cronache merovingie
Feste e anniversari
Mangia Fast prima che te lo freghino quelli di slow food
I venerdì asburgomarxisti
Humour e ennio flaiano di pelouche award
Sondaggi e mini poll
Sunday Coon Numeri arretrati
RIA raccoon intelligence agency
Lettere a una belly dancer
Comme te llaggiadicanuneccosa
If you dont want it posted dont let it happen.
Portorosa Hotel
lettere a qualcunaltra
GIOCHIdiBLOGGERZ
Non diffamare questo blog: non è una testa giornalistica.


Miss Liberty - adesso - direttamente da Brooklyn.
click qui! per ingrandire.
.



I miei video Youtube:


DISAGGREGATORE DI BLOG Platypus Blog con link personale arbitrario se ti intriga puoi metterlo anche tu con il link che ti garba di piu

DISAGGREGATORE DI BLOG Raccoon Blog con link personale arbitrario se ti intriga puoi metterlo anche tu con il link che ti garba di piu


Feed RSS di questo blog Reader Feed ATOM di questo blog Atom







My blog is worth
$ 40 082.34

una miseria dice il coon
How much is your blog worth?
quanto vale il tuo blog?
clicca qui!


     
.LINKS
» Thomas Jefferson
» NIAF
» U.S. Senator John McCain
» Eliot Spitzer NY State 2006
» Italian Commonwealth
» IAWA it-am writers
» Garrison Keillor
» Wall Street Journal
» Robert De Niro
» John Perry Barlow
» American Mason NY
» Walter Veltroni
» Philip Roth Society
» Libertà Eguale
» Bettie's measurements
» PHILIP MAZZEI
» CIA Gov.
» Mossad Gov
» James Ellroy's world
» world of warcraft
» Valerio Evangelisti
» Massimo D' Alema
» Cossiga
» TOM WAITS
» Indro Montanelli
» il foglio basta: Vernacoliere!
» humphreybogart
» Nick Tosches
» Freud Museum
» Diana Krall
» Gadda Studies
» Franz KAFKA Bio & Pics
» NASA ERC ccny cuny
» WINONA RIDER movies
» Vittorio Zucconi
» The W. H. Auden Society
» LM libMagazine
» Michel Serres
» Nietzsche poems
» Lin Pao poems
» CAI GUO-QIANG
» Internet archive
» MELOGRAMMI
» GOLEM
» Hara Kiri
» OVER THE HEDGE
     
-- Blogz --
cult & nepotismo:
  • Blog di Walter Veltroni
  • sogniebisogni (hipster)
  • bazarov (il nipote)
  • krillix (la nipote)
  • Gianky mago a Giava
  • Fedelico Lampini (L=R)
  • Attivissimo: no-bullshit
  • Francesco: Il Nardi
  • LYKAIOS, latitante
  • Aussie bastardo Scarfiotti

  •      
    North America
  • NYC bloggers map
  • PAJAMASMEDIA
  • wobegon: Mist County
  • sogniebisogni, Bloomington
         Indiana, revisionista
         froidiano fancaprista

  • BLUE RACCOON,
         Richmond, Virginia,
         Harry Kollatz, actor,
         writer, journalist.

  • brucaliffo Commonwealth
         of Pennsylvania JAP

  • Scott Esposito's Typepad
  • mariapia in Lower East
         Side, Suisse-IT-NYC

  • nyc.metblogs
  • Jessica, Vanessa, Ann,
         Samhita, Celina, Jen

  • chrisdiclerico professional
         amateur

  • anellidifumo Toronto
  • jewishatheist
  • Martin Fuchs (Bronx)
         photoblog

  • Maude Newton NYC
  • Raccoon Chronicle
        Sarah, Orange County
  • Jeremy Lipking
  • Armani Gin
        tunio
  • Jeremy Lipking
  • MIT PressLog
  •      
     
    5 FINTI ETNICISMI
    .1 Blog Parte-nopei
  • francesconardi: o' Nicce
        'e Palazzo a Spuntatore:
        "Uagliu', capimmece: o'
        polonio nun v'o' putite
        fuma'."

  • Alcestis (Nausicaa)
        Chilla do' Nicce.

  • giorgiodasebenico SOCIO
  • egine milanesenonanapoli
        CONSOCIO

  • pasqualedigennaro poeta
  • Studium (F) taglia 42
  • raissa puro wit
  • miele98 hun
  • ciromonacella ' munaciell'
  • La nonsolorossi
  • tantorumorepernulla
  • bloggerperfecto marzia
  • Il blog del pensatoio
  • Vulvia ora et labora
  • Saranno troppo famosi
  • ARONNE APAPISTA
  • Teresa
  • CuncettaMente, Concetta?
  • FRANCO CUOMO,
        interfaceworld


  • 2&3. Etruschi &
    liguri-provenzali
  • vecuvia la vulciana
        concittadina di Clooney

  • ERASMO Desiderius
  • INOZ buttero economista
  • revanche WALKA
         il ligure-provenzale

  • SECONDLIFE Nina
  • 1PS unaperfettastronza
         ma lo dice lei

  • venere belle immagini
  • pantoufle Maimoni
        Sinis in Toscana

  • Prof. Dago-bertis
        Psicopatologo
        dell'Università
        di Jena

  • Red.Cac. & Erasmo

  • .4&5 Sionismi, diaspore &C
  • LA esperimento di dialogo
  • brucaliffo the JAP
  • jewishatheist
        Former Orthodox

  • ilblogdibarbara ex-cognata
  • lilit Persia
  • nasigoreng south-east
  • liberaliperisraele news
  • ilpunto equilibrio
  • ilsignoredeglianelli
  • devarim sul monte
  •      
     
    Think Thank Roundtable
  • LE SPECCHIO poetico
  • bazardelleparole Gadda
         de' veneti

  • Marcoz il fine giustifica
        il me

  • topgonzo
  • ECO DI SIRENE
  • anniehall Valeria Paris
  • I ciechi con l' elefante
        ALBA in blogspot

  • nocturama'z new-blog
  • gialloenero the best
         gal noir noir

  • unafacciainprestito
         contiana dalemiana

  • NEFELI dal Tom Wait'z Bar
  • jacobandtheangel
        l' angelica Uzi

  • bluewitch blog oasi
  • serafico e sapiente
  • botteghecolorcannella
  • attentialcane
  • mangoroso buone recipes
  • muffin la gateau radical
  • aegaion neo Sarah
         Bernard animalista

  • IOESISTO un bagno
         a Is Arenas

  • massimocoppa un
         buon giornalografo

  • professionespia
  • senzafreni2 lavendetta
  • rikkMoCinema
  • Alice desaparecidos
  • EMMA Milano Valencia
  •      
    Trowels, Mazzini, Garibaldi & affini
  • clos e cinema cinema
  • sagredo in bicicletta
  • agiamo! Monica, l' arte.
        Lombarda per Sgarbi

  • Vittorio Sgarbi, artista
        della critica d' arte.

  • martinrua bro napulitano
  • lucabagatin hi Garibaldi!
  •      
    Politicanti in Politics
  • The DEMOCRATIC
        Party Blog

  • GOP BLOG
  • Gianni Vernetti
        Sottosegr. agli Esteri

  • VIAGGIO.. l'inizio di un ..
  • aldotorchiaro ALDUX
  • POVEROBUCHARIN
  • VALERIO PIERONI
  • ricordiamocene Jac
  • champion Milano
  • MARIAGRAZIA
         dalema&gadda

  • valmadlene (Lagavulin)
  • the right nation Sindaco
  • PA "... strada sbagliata
         per nobili motivi"

  • arsenico & Hi-Jack buono
  • baol Terrific!
  • quartieri (bassifondi)
  • vaicolmambo multi-blog
  • titollo
  • KILOMBO metablog
  • TOQUE-VILLE metablog
  •      

    Clicca sopra: vedi e ascolti
    Times Square adesso!

    SUNDAY COON MEMORABILI
    .1 USA: TURISTA SIENTA'AMME!
    guide
    ¿ N°1O Click? Dal Montana (aprile 2005)
    Impara tutto su Big Sky Country, lo Stato cinema-cinema che lega Presidenti e mangia carni piemontesi e toscane. In più impari l'arte.. E le migliori webcam dello Stato più bello d' America. Poi con St. Mary webcam puoi vedere dal vivo gli Elk (è il cervo americano) Click!

    ¿ N°7 dal Connecticut(febbraio 2005)
    Philip Roth stanato
    sul lago Waramaug. Foxwood il più grande Casino d'America e Pequote (non Mohicani) gli Indiani più ricchi di US Click!


    ¿ N°9 da South Dakota (marzo 2005)
    Da Eagle Butte a Mt Rushumore facendo gli indiani con Crazy Horse che è sosia di Marco Pannella Click!

    ¿ N°8 San Valentino 2005
    a Manhattan, ma tu senza belly-dancer.
    E Love potion secondo gli uomini medicina Soshone, Algonquin, Mowak, Cherokee, e Passamaquoddy: La Filipendula rubra o Queen of the prairie che in più è anche meglio di Viagra. Click!

    ¿ N°14 dall' Oregon (settembre 2005)
    l' unico stato con bandiera double face - Marcello Pera vince sulla Mora - e che ha sindaci marxisti Click!

    ¿ N°15 dal Minnesota
    numero ridotto. Ma conoscerai lo sheriffo di Mist County e le prese per il culo di Garrison Keillor. Click!

    ¿ Breve supplemento da Wyoming
    Wind River County, alci & shoshones & arapaho. E se sei anticaccia stai contro gli indiani. Click!
    .2 SUPPLEMENTO GRANDE CINEMA:
    (recensioni)
    . In assoluto i due migliori film di Natale della storia del cinema: volendo bene a un raccoon in tutte le lingue del mondo financo nel cerchio della morte.

    . Maialate all' ordre du jour: sesso e "Pussy for dummies".

    Omaggio e dritte su Artie J. Mitchell e il suo "The Grafenberg Spot" del 1985 e a Michael Beckerman (Michael L. Raso da Jersey City NJ) presidente dell' ei Independent Cinema. Poi apoteosi per Vicky Vickers , aka Raven, porno diva preferita dai coon.




    . "Il Caymano" ovvero Affida una lacrima al vento (2004)

    L' esordiente (in italo belga nato in sud Tirolo, grande attesa tra le voci antiche della canzone dell' emigrazione. Con echi di Mino Guerrini: "Riuscirà l'avvocato Franco Benenato a sconfiggere il suo acerrimo nemico il pretore Ciccio De Ingras?" del 1971).




    . Le donne e la Famiglia nel festival di Joskinville 2006: Le Marie Antoinette e le dolci nipoti Sissi delle M.me Bovary



    . Silent Movie 1976 e la campagna elettorale 2006. Would you mind dancing with a mild-mannered pervert?

    .3 SUPPLEMENTI COOLTURA ALTA:
    Data under construction
         


    "Ci dovrebbe essere un
     Lower East Side nella
     vita di ognuno di noi
    "
    Irving Berlin
    ***

    "... di quel lower east side 1910 che non fosse segnato...
    il rettangolo compreso fra la Bowery, East 4th Street, Second Avenue e East 3rd Street contava quattro saloon, cinque caffè, due club, tre teatri .....
    America e Germania e Irlanda e Italia e Russia e Cina, protestanti e cattolici e ebrei e confuciani, inglese e yiddish e tedesco e italiano e cantonese ...
    dove per tanti anni aveva abitato il poeta W.H. Auden e nell' immaginarlo ciabattare - i piedi doloranti nelle grosse pantofole - attraverso le stanze ingombre di libri del suo appartamento, preso dalla stesura del libretto per il Rake' Progress di Stravinskij , o navigare britannicamente distaccato - la faccia rugosa, ogni linea un verso - nella psichedelica confusione degli anni sessanta , in quello che per lui era sempre stato il "Lower East Side" e mai l'"East Village"; e poi nello scoprire che , nel 1917, nel seminterrato dello stesso edificio, c'erano stati gli uffici del "Novy Mir", pubblicato a New York da tre esuli di nome Nicholaj Bucharin, Alexandra Kollontaj e Leone Trotskij, e nell' immaginarmi il fervore di vita politica cinque gradini sotto il livello della strada, l'entusiasmo irrefrenabile alle prima notizie dei moti rivoluzionari..."

    da Mario Maffi
    NEW YORK,
    L' isola tra le colline

    Feltrinelli 2003
         
         


    A coonz' Anthem:

    ¿UN CLICK PER ASCOLTARLO!

    ***

    "... Well the smart money's on Harlow and the moon is in the street
    And the shadow boys are breaking all the laws
    And you're east of East Saint Louis and the wind is making speeches
    And the rain sounds like a round of applause
    And Napoleon is weeping in a carnival saloon
    His invisible fiancee's in the mirror
    And the band is going home, it's raining hammers, it's raining nails
    And it's true there's nothing left for him down here

    And it's time time time, and it's time time time
    And it's time time time that you love
    And it's time time time

    And they all pretend they're orphans and their memory's like a train
    You can see it getting smaller as it pulls away
    And the things you can't remember tell the things you can't forget
    That history puts a saint in every dream

    Well she said she'd stick around until the bandages came off
    But these mama's boys just don't know when to quit
    And Mathilda asks the sailors "Are those dreams or are those prayers?"
    So close your eyes, son, and this won't hurt a bit

    Oh it's time time time, and it's time time time
    And it's time time time that you love
    And it's time time time

    Well things are pretty lousy for a calendar girl
    The boys just dive right off the cars and splash into the street
    And when they're on a roll she pulls a razor from her boot
    And a thousand pigeons fall around her feet

    So put a candle in the window and a kiss upon his lips
    As the dish outside the window fills with rain
    Just like a stranger with the weeds in your heart
    And pay the fiddler off 'til I come back again

    Oh it's time time time, and it's time time time
    And it's time time time that you love
    And it's time time time
    And it's time time time, and it's time time time ...


    Time, Tom Waits:

    UN CLICK PER ASCOLTARLO!

         
    .
    Winona Rider















    philipmazzei.ilcannocchiale.it:
    Users online

    chat.ilcannocchiale.it:
    Users online