.
Annunci online


Add to Technorati Favorites



8 aprile 2008

GIOCHI DI BLOGGERZ, manda a casa in 7 giorni. Un voto e forse un tuo milionario mestiere. SI GIOCA fino a Martedì 15 Apr



DOPO LA MEZZANOTTE DI MARTEDI
 15APRILE QUI LA PREMIAZIONE!

Aggiornamento
: lunedì 14 aprile dal pomeriggio
Risultati elettorali in diretta con chat CLICCA QUI!


***


 
Giocatela in Italia!
Con ELLIOT NACHWALTER GAME


.Premessa. Elliot Nachwalter, pipemaker del Vermont e per un po' a NYC, grazie a Bush e alle elezioni americane ha fatto soldi e cambiato mestiere, il resto lo leggi su LibMag da Michael Mazzei -ch'è il coon- cliccando sulla foto o qui!


Mettersi in gioco. L' ultima settimana fino a spoglio concluso è occasione di grandi opportunità ma anche di sputtanamento (es. Il Manifesto col titolo John Kerry vincitore, ndracc) epperò, se ci pensi, schierarti pubblicamente non può farti che bene. Uno slogan per gli indecisi, un mandare a casa qualcuno, un augurio che fai e ti fai, possono servire a tutti e servirti più di quanto immagini. Non è col terzismo sapiente che cambierai la tua vita, non è cercando di dar l' impressione del "troppo ironico e/o superiore per sporcarsi le mani" (cosa diversa dall' augurarsi il quasi pareggio che permetta di cancellare subito la porcata leghista e semplificare l' Italia), non è con questi mezzucci che ti risparmi l' allegro giudizio del coon: "ma questo/a quanto è cretino/a!".

CHI MANDERESTI A CASA?

proseguirà anche durante e dopo il voto fino alla mezzanotte
di martedì 16 e sarà premiato mercoledì.

Elliot Nachwalter link Nella foto Elliot Nachwalter (cognome che sente di "etnico" e di shtetl galiziano) con una sua pipa in bocca. La foto è link al suo vecchio sito. Clicca qui per BLD Designs, Inc, www.bushslastday.com, quello nuovo.

REGOLE DEL GIOCO:

Qui in commento (con poche righe) o sul tuo blog quanto vuoi (e qui sarai linkata/o) scegli chi manderesti a casa con uno slogan, un film, una poesia e/o semplicemente una trovata che possa portarti suerte in futuro e forse cambiarti la vita, ma non pensare a questo mentre lo fai: Elliot (premettendo che voterà democrat, o la Clinton o Obama) gioca d' istinto proprio come a suo tempo Gianky che però non ci guadagnò un centesimo. Io gioco per primo come esempio ma ne aggiungerò parte di un altro finchè il socio non completerà la giocata o mi dirà di cancellarlo. Le giocate saranno in ordine inverso e gli aggiornamenti tutte le sere, durante lo spoglio invece ci sarà la diretta.


: il mio voto .1 barbara ilcannocchiale  Voglio mandare fuori dai coglioni e non vedere né sentire nominare mai più: 1. Malvino 2. Adinolfi 3. D'Alema 4. Berlusconi 5. Veltroni 6. Dell'Utri 7. Santanchè 8. Mussolini 9. Bonino 10. Berlusconi (no, non c'è nessun errore) 11. D'Alema (idem)

.2 Fuori concorso MA anche in Nachwalter game. Vecuvia il cannocchio aka Etruscan Princess : "Io manderei a casa (mia) George :-))))" 

il mio voto. 3 Pasquale di Gennaro (gioca sul suo blog) "...vota Veltroni . Votero’ P.D. Ma guardero’ con interesse i risultati della sinistra a colori, non perchè “ … il mio cuore batte ancora Lenin-Lenin.” … ma perché credo che la presenza di una “sinistra radicale” faccia ancora bene a questo paese , perché la nostra storia è anche questa … ma non voglio di nuovo prepararmi a decenni di opposizione, voglio una forza che governi . bene, male .. ma governi … ... e poi che il "profeta" della rivoluzione venga separato dall’analisi per potermi ancora confrontarmi con un Marx “riformista”, ... consente anche di restituite Marx ad un uso politico “riformistico” che è possibile …. Votero' PD per questo ed altro ... un voto di "cervello" ... "ma anche" di cuore ... ma un cuore, in questa circostanza, non proprio giocondo" il resto lo leggi se CLICCHI QUI!

"... il mio voto,- 4 Maria Grazia il cannocchio che gioca sul suo blog- che sarà doppio PD, senza se e senza ma, senza disgiunzioni senato camera, senza più alcun dubbio binettiano (a parte che mi dicono che sia rinsavita, va in giro a dire che non mette in discussione la laicità del pd, che non vuole smantellare la 194, e questo, per ora mi basta, aggiungiamo che non è candidata al senato e i danni eventuali che potrà fare saranno limitati) comunque anche se ci fossero 10 binetti voterei ... avevo un padre che era un vero liberale,e siccome io mio padre l'ho interiorizzato , è stato il mio mito personale per tutta la mia vita, sento che lui, anche come vero liberale non avrebbe mai e poi mai ... voto PD anche per mio padre.anche se io mi sento più a sinistra di lui. Il resto lo leggi CLICCANDO QUI! 

il mio voto- .5 Jazztrain. Di norma non amo gli "emmerdeurs" che fanno giochini stupidini, preferisco di gran lunga dei giochi più interessanti e stimolanti per l'intelletto. Stavolta, però, vorrei fare una eccezione: voterò PD alla Camera dei deputati al Senato della Repubblica, mentre per la presidenza della Regione darò il mio voto alla" Finocchiaro.
 (commento del coon: come disse Renzo a Gervaso parlando di jazztrain: "a chi la tocca la tocca").


: il mio voto.6 sogniebisogni ilcannocchio che gioca sul suo blog "Penso che non sia un mistero che voterò PD senza turarmi il naso, consapevole dei pro e dei contro. Arrivo a questa scelta con molto meno tormento di tanti che conosco, sia perché segue un po’ quello che avevo in mente come evoluzione del DS, sia perché al solo pensiero di aiutare... Se dovessi giustificare razionalmente il mio voto (e non penso che... Dato che sostengo l’espansione dei diritti civili, umani e sociali... " se vuoi leggere e commentare il resto CLICCA QUI!


: il mio voto .7 tess (Teresa) ilcannocchio "io volevo mandare a casa quella faccia di culo di De Gregorio, ma pare ci possa pensare la Magistratura. Allora in ordine di simpatia mi va bene pure Dell' Utri.
Voto per il Pd per il quale mi sono fatta un mese di campagna elettorale in mezzo alla strada ( e dove sono stata pure minacciata ) nel posto più difficile del Paese. Voto per il Pd, perché il Pd sono io ".


il mio voto : .8&9 egine blogspot "caro coon ho giocato ed ho scelto la parte politica che tu più hai avversato, del resto come si può mentire sul nostro voto, mica siamo pescatori che dobbiamo esagerare sul peso e sulle misure:) "

POI IL CONSOCIO ( : .4 egine blogspot ") CI RIPENSA: EVVAI SUL SUO BLOG!...



: il mio voto.10 emma Milano-Valencia wordpress "votando si impara. Vota che ti rivota troverai la risposta prima o poi... uolter male che vada ci regala la tessera del cinema, bene che vada abbiamo uno sotto i sessanta al governo".


: il mio voto .11  (gemelle) Specchio.ilcannocchio.
"Perchè è l'unico che ne sappia di cinema e speriamo che riesca programmarci un bel film. :-)) "



: il mio voto .12 Champion.il cannocchio. "scelta libdem: sono liberale, voto democratico e si farà fortuna grazie alla vendita su e-bay delle foto dei pidiellini che per settimane affolleranno la metro di milano con la coda tra le gambe. Quanto a quelli che volevo mandare a casa, comunque vada il voto ci sono già andati. parlo di quelli che pensano che un operaio e un imprenditore non possono stare nello stesso partito, quelli che pensano che se non sei un lavoratore dipendente sicuramente evadi le tasse, quelli che pensano che il problema della scuola italiana sia il bullismo, quelli che pensano che modernizzare va bene ma "not in my back yard"... 


: il mio voto .13 Daniela Santanchè.it ": Berlusconi? è ossessionato tanto non gliela do… il Cavaliere parla da vecchio, si comporta da vecchio, corteggia da vecchio... Le ragazze che vogliono fare carriera non devono darla, non serve. Bisogna darla solo per amore... Quindi, inutile dare il voto a Berlusconi, uno che vede noi donne sempre in posizione orizzontale, e mai verticale". 


: il mio voto .14 francesco nardi:
"Votare Pd può andar bene a tutti. I customer care"
Dardo emeilato al Nachwalter game già da ieri è stato in frigo per molte ore ;). (È futuro tycoon di call center?)


: il mio voto .15 desiderius.cannocchio "Il mio voto sarà qualunquista evoluto. Intendo dare delle dritte a coloro che non hanno un partito da votare, ma odiano qualche altro partito. Questa volta, fate del male al rappresentante di lista del partito odiato, fingendo di sbagliare, ma in modo che sia chiaro per chi volevate votare. Per esempio, se odiate il Popolo delle Libertà, votatelo correttamente, ma poi scrivete "merda" a caratteri cubitali sopra il simbolo del PD. In questo modo, lo scrutatore e il rappresentante di lista del PDL moriranno dalla rabbia, perchè crederanno che siate un loro elettore overzealous. Dovranno tuttavia accettare l'annullamento del voto."


: il mio voto .16 giorgio da sebenico. "PD un voto futile ma necessario" con questo quasi-ossimoro ch'è slogan fulminante potrebbe aprirsi una fortunata carriera da spin doctor, chissà se tra le altre cose necessario per mandare a casa qualcuno?


: il mio voto .16bis raccoon. "mettete dei dildo nei vostri fucili io votando PD ve li infilerò nel vostro popò!" è rivolta ai soci leghisti Umberto Bossi, Calderoli e Raffaele Lombardo, leader del Movimento per l'autonomia e candidato del centrodestra a governatore della Sicilia, quello di: "Purtroppo i fucili dei siciliani sono stati caricati per troppo tempo a salve. Quando potremo armarli come si deve, vedremo se e contro chi usarli" (dildo= vibrator, godemiché, künstlicher Penis, für sexuelle Spiele benutzt). Naturalmente visto che sono anziano diabetico capirai che parlo per immagini -fantastiche- e sarò perdonato anche se per questa dichiarazione il principale esponente della Pdl non mi farà ministro, però col mio slogan mi si aprirà forse un pagatissimo posto di trend setter alla Beretta o alla Heckler & Koch: il sogno di una vita.


nota di paricondizione altri elettori fatevi avanti:
ecc.



spazio pubblicitario
.3 Su LibMagazine. Elezioni. Dove porta l’ottimismo, poi ancora Elezioni. Da Guido Lembo a Stevie Wonder di Ivrès Taverni che con questo pezzo inaugura la rubrica Lib-Tube. Poi Enrico Pietrangeli con Reiki, canale di luce.  Cristina Marullo in materia di economia: Subprime virus, poi un’ottima intervista della nostra Astrid Nausicaa Maragò a Mirella Parachini in materia di contraccezione. E la vignetta, bellissima, di Ciro Monacella. LibMagazine augura il pareggio di Francesco Nardi. Quella guglia che punge e divora di Nicola Scardi. Le schede vanno fatte così di Marco Zamparini. Le rane vogliono la scheda nulla. Mariela castro va in città di Gordiano Lupi. Ossa nel deserto di Barbara Mella. SpeakEasy di Mich Mazzei (: il coon). ecc.















12 ottobre 2007

Da lettere a belly dancer e a brain model scripta volant lontano Nolita non ionia Bazarov e Krilla in più

Lettera per Carmela, belly-dancer al Village, & Nina, brain-model in viaggio

PIÙ DUE SPERATI RITORNI AL CANNOCCHIO
(Il nipote - prodigo di referendum - Bazarov e la nipote Krillix)
poi anche un Baz anticipante in coda al Rocking Auden Award 2007
Mie care. Il vecchio è screanzato quel tanto che basta a scrivere per tutte due le stesse cose. È un fatto! E d' estate mi siete tanto mancate.
Siete per me intercambiabili, quella che cammina arretrando/parlando muovendo le mani nel vento inaspettatamente asciutto di simil boulevard che sente di primo autunno, Woody Allen, 125ma st o bastione, l' altra con la fronte abbassata sul libro che sta leggendo in viaggio - in treno o in volo stessa cosa - e che ogni tanto alza la testa e nasconde un sorriso. Distinguo l' una dall' altra solo per piccoli dettagli visto che siete del sud e oceanine di opposte  sponde  parlate con lo stesso accento quasi toscano e perchè egualmente responsabili una del mio arrivo l' altra del mio restare tra i blogger(z).Vi scrivo di bloggin'. Vi intrigherà. Spero.

Blog(z) manent scripta volant, lontano:

L' orale sapiente, che sapeva volare oltre l' autoreferente degli scriventi leggenti, nel periferico quartierino di short memory ch'è il bloggin' dove nessuno legge i post di un'ora prima se secondi in homepage, ha ceduto le sue qualità alla stampa, agli scripta del giornalismo cartaceo. Sì! E non lo dico per simpatia, ma perchè ragiono in termini di "duro che duri".

Due esempi. Il primo, riguarda Krilla e Ann Coulter, la polemista. Krillix, ch'è a destra con la Brambilla, ogni tanto scrive di Ann sul blog: qualche commento e poi via dimenticandocene. Però il 9 ottobre, con 4000 battute per il Giornale sull' ultimo libro "If Democrats Had Any Brains, They'd Be Republicans", è riuscita a regalarci una Coulter "the left's worst nightmare". Questo regalo resterà vivo sul sito del Giornale perchè chi cercherà con Google.it "Ann Coulter" trovandolo lo leggerà, solo su un blog invece, perchè datato 9 ottobre 2007, sarebbe già stramorto.

L' altro esempio è di critica letteraria e riguarda un articolo del nipote Bazarov pubblicato dal Rifo il 7 febbraio 2007 (8 mesi fa!). Me l' ero perso ma Baz ha voluto aggiungermelo in commento nel post giocoso che prendendo due cavalli con una postata festeggiava il centenario della nascita di Auden nei giorni del trentaquattresimo della sua morte con un rockin' centaur dalla faccia di Wystan Hugh. Un vecchio articolo quello di Baz che metto qui sotto perchè voi due lo leggiate un po' impaginato. Un vecchio pezzo cartaceo che però a cinque ore dal taglia incolla ha registrato giù il primo commento sul post - è stata nefeli a farlo - che parlasse anche di qualcos' altro rispetto alle proprie giocate.


del 7 febbraio 2007
(Pezzo su "zio" Auden di) Antonio Funiciello

Quando poche settimane fa The Indipendent lanciò l’allarme, molti nel mondo letterario anglosassone si sentirono interpellati: l’Inghilterra ha già dimenticato Auden e le celebrazioni del suo centenario rischiano di passare in gran sordina. Il poeta le cui opera concorre al successo dei film inglesi (si ricordi la sua Funeral Blues in Quattro matrimoni e un funerale), l’autore della poesia 1 settembre 1939, che New York scelse di cantare per rimettersi in piedi dopo l’attacco dell’11 settembre («…l’indicibile odore della morte / offende la notte di settembre»), è stato già dimenticato dal paese che gli diede i natali, l’Inghilterra, e da quello che lo accolse come suo nuovo cittadino, gli Stati Uniti d’America: il percorso inverso di Thomas S. Eliot.

A consultare il sito della Auden Society (audensociety.org) però, quell’allarme non pare molto giustificato. Da York, dove è nato il 21 febbraio del 1907, e da Durham e Londra, attraversando l’atlantico verso New York , New Haven, e risalendo la East Coast fino in Canada, il mondo che parla inglese non sembra affatto essersi dimenticato di Wystan Auden. E l’impressione è che voglia ancora parlare con lui.

Berardinelli ha scritto che il poeta Auden è soprattutto un uomo che parla e la sua poesia non è che un continuo commento alla realtà. Una tale, audace consapevolezza del distacco plastico tra linguaggio ed essere, un tale oggettivo ribaltamento della prospettiva estetica heideggeriana, ha avuto un’eco che ancora oggi si avverte in molta poesia contemporanea. Per quanto, in verità, i poeti d’oggi vivano generalmente questo distacco con un’immediatezza stilistica e un pressappochismo retorico che non sarebbero affatto piaciuti a Auden. Il suo relativismo estetico è difatti profondamente pensato. A leggere i suoi saggi editi in Italia da Adelphi (anche le recentissime e brillanti Lezioni su Shakespeare) ci si accorge di quanta poca fiducia egli riponga nella possibilità di essere compreso, di come anzi la conoscibilità dei suoi versi sia l’ultima delle preoccupazioni che agitano il suo animo di poeta. Auden vuole che la sua poesia parli agli altri e immagina che ciò sia possibile proprio a scapito della comprensione.

Da Eliot aveva imparato, dopo essersi agilmente sottratto al pantano ideologico (mezzo freudiano, mezzo marxista) dei primi anni, la lezione sull’impersonalità dell’opera d’arte. Ma mentre in Eliot essa è la premessa ad una ontologia estetica che finisce (ambisce) spesso a perdere i contatti con la realtà e si eleva su un piano superiore per legiferare, in Auden resiste ad ogni mistica forza o debolezza. Per lui la poesia è impersonale perché il significante ha molto meno che fare col significato e la sua comunicazione di quanto la semiotica pretenda. Questa vertigine che condivide il poeta in bilico come un saltimbanco sul filo teso che sovrasta l’abisso tra linguaggio e realtà, consente ad Auden di non perdere mai quella prodigiosa ironia che ha imparato da Kierkegaard e che Eliot smarrisce nella cristologia dell’ultima fase della sua opera. Così può schernire Shelley e i suoi “misconosciuti legislatori del mondo” «che può essere la definizione dei membri della polizia segreta, ma non quella dei poeti».

Auden è veramente un poeta diverso. La sua poesia è un lungo, ininterrotto discorso, che può modificare per strada tono e finanche registro, per quanto riesca a non infrangere mai la sua costitutiva unità discorsiva. Il poeta parla ai suoi lettori sapendo di avere interessi differenti dai loro, interessi che possono coincidere solo per caso, ma è in fondo meglio per tutti che non coincidano mai. Gli interessi più vari animano una poesia irregolare in maniera regolarissima, che mentre dice, si pensa, e fa tesoro nel prosieguo della sua meditazione. In questo Auden somiglia molto a Bellow: un narratore per cui la riflessione è costantemente congruente alla rappresentazione. Non deve sorprendere l’accostamento tra prosa e poesia. Perché il discorso poetico di Auden è prosastico, sebbene intenda sempre fare felicemente i conti con i modelli e le prescrizioni della metrica: «Benedette tutte le leggi della metrica che vietano risposte automatiche: / ci costringono a una riflessione, liberando dalle pastoie dell’Io».
Esattamente quello che poco si fa oggi. Picasso arrivò a dipingere come Michelangelo, prima di scontare l’insoddisfazione per la figura e il suo universo di significati, che non gli comunicavano più un senso. Solo allora si diede a scomporre quell’universo di forme per ricomporle a suo piacimento e rinvenire il senso perduto. Auden fa lo stesso con le leggi della metrica. Le conosce così perfettamente da potersi adoperare nella loro dilatazione con tutto il vigore di cui è capace. Ogni sua composizione è un anello di gomma di cui egli sperimenta fino allo stremo l’elasticità. E il miracolo di Auden consiste nel riuscire a provare la capacità elastica di ogni singola poesia fino a intrecciarle l’una con l’altra, come una catena, per garantirsi al fine l’unità del suo discorso poetico.

«E gli scrittori in politica?», gli chiese Michael Newman in un’intervista rilasciata poco prima di morire. Risposta: «L’arte non può nulla. La storia politica e sociale d’Europa sarebbe la stessa anche se Dante, Shakespeare, Michelangelo, Mozart, eccetera non fossero vissuti. Un poeta, in quanto tale, ha un solo compito politico: quello di dare l’esempio nell’uso appropriato della propria lingua madre». Il poeta è l’individuo che per definizione non può cedere alle lusinghe della realtà. Parafrasando Pessoa, Auden sembra dirci che la sua patria è la lingua inglese e la sua intera esistenza si è esaurita nell’esercizio dialogico istituito dal monologo discorsivo della sua poesia. Forse Auden attende che gli si risponda, che ci si incarichi di ricambiare l’attenzione che egli ci ha rivolto. La sua poesia è la prima lunga battuta di uno scambio che deve ancora cominciare. Uno scambio iniziale, come quello dei due primi ateniesi curiosi l’uno dell’altro, che conversando amabilmente nell’agorà considerarono l’ipotesi che l’altro, a differenza di sé, potesse essere nel giusto. Lì cominciò quello che oggi, seppure con tanta fatica, continuiamo a chiamare Occidente. A cento anni esatti dalla sua nascita, l’ironia di Auden suggerisce che a quel dialogo iniziale bisogna tornare e in esso sostare a lungo: «Si parla con persone a cui si ha qualcosa da dire: in questo modo le cose filano più lisce. E io credo che il prerequisito fondamentale della civiltà sia la capacità di condurre una conversazione educata».



Care Nina e Carmela
Vi penso 'sedendomi' accanto a una Solitaria figura a Teatro davanti a un sipario calato, quella cosa grigio argento larga un palmo ch' è a Whitney Museum e che di Hopper è di gran lunga il mio quadro preferito. Una figura buona almeno per noi tre e nella quale anche tu Nina mi hai confessato di identificarti. Quadro che solo io in Web metto così grande e qui: largo la metà dell' originale. (US Code, Title 17 which allows..)







Con fiato/gia[z][z] niuiorchese - so che vi piace - hugz' n' kisses dal sempre vostro (di voi due intendo) Coon
Soppy Raccoon - Schmalz dealer since 10/4/2004.
Arbutus berries (corbezzole), jujubees (giuggiole)
near RIOC, 59th St. and 2nd Av. NY 10022.
Roasted chestnuts, Carmine St. NY 10014.

E se non volete far wallflower lo balliamo..

Gerry Mulligan Lonesome Boulevard Wallflower 




Aggiornamento Partito Democratico:
per il gran successo di Walter e Dario
billy the coon ci mette anche la faccia
clicca e commenta qui!























sfoglia     marzo        maggio


Ultimi post. Profilo di raccoon.
    Visto 1 di volte dal 4 ottobre 2004


RACCOON, caldarrostaro.
PHILIP-MAZZEI, Politica - Politcs.
CHAT, Gossip(z) & Chat(s).
AOL journals: HAYEDID

al Central Park adesso

RUBRICHE
Diario
cronache merovingie
Feste e anniversari
Mangia Fast prima che te lo freghino quelli di slow food
I venerdì asburgomarxisti
Humour e ennio flaiano di pelouche award
Sondaggi e mini poll
Sunday Coon Numeri arretrati
RIA raccoon intelligence agency
Lettere a una belly dancer
Comme te llaggiadicanuneccosa
If you dont want it posted dont let it happen.
Portorosa Hotel
lettere a qualcunaltra
GIOCHIdiBLOGGERZ
Non diffamare questo blog: non è una testa giornalistica.


Miss Liberty - adesso - direttamente da Brooklyn.
click qui! per ingrandire.
.



I miei video Youtube:


DISAGGREGATORE DI BLOG Platypus Blog con link personale arbitrario se ti intriga puoi metterlo anche tu con il link che ti garba di piu

DISAGGREGATORE DI BLOG Raccoon Blog con link personale arbitrario se ti intriga puoi metterlo anche tu con il link che ti garba di piu


Feed RSS di questo blog Reader Feed ATOM di questo blog Atom







My blog is worth
$ 40 082.34

una miseria dice il coon
How much is your blog worth?
quanto vale il tuo blog?
clicca qui!


     
.LINKS
» Thomas Jefferson
» NIAF
» U.S. Senator John McCain
» Eliot Spitzer NY State 2006
» Italian Commonwealth
» IAWA it-am writers
» Garrison Keillor
» Wall Street Journal
» Robert De Niro
» John Perry Barlow
» American Mason NY
» Walter Veltroni
» Philip Roth Society
» Libertà Eguale
» Bettie's measurements
» PHILIP MAZZEI
» CIA Gov.
» Mossad Gov
» James Ellroy's world
» world of warcraft
» Valerio Evangelisti
» Massimo D' Alema
» Cossiga
» TOM WAITS
» Indro Montanelli
» il foglio basta: Vernacoliere!
» humphreybogart
» Nick Tosches
» Freud Museum
» Diana Krall
» Gadda Studies
» Franz KAFKA Bio & Pics
» NASA ERC ccny cuny
» WINONA RIDER movies
» Vittorio Zucconi
» The W. H. Auden Society
» LM libMagazine
» Michel Serres
» Nietzsche poems
» Lin Pao poems
» CAI GUO-QIANG
» Internet archive
» MELOGRAMMI
» GOLEM
» Hara Kiri
» OVER THE HEDGE
     
-- Blogz --
cult & nepotismo:
  • Blog di Walter Veltroni
  • sogniebisogni (hipster)
  • bazarov (il nipote)
  • krillix (la nipote)
  • Gianky mago a Giava
  • Fedelico Lampini (L=R)
  • Attivissimo: no-bullshit
  • Francesco: Il Nardi
  • LYKAIOS, latitante
  • Aussie bastardo Scarfiotti

  •      
    North America
  • NYC bloggers map
  • PAJAMASMEDIA
  • wobegon: Mist County
  • sogniebisogni, Bloomington
         Indiana, revisionista
         froidiano fancaprista

  • BLUE RACCOON,
         Richmond, Virginia,
         Harry Kollatz, actor,
         writer, journalist.

  • brucaliffo Commonwealth
         of Pennsylvania JAP

  • Scott Esposito's Typepad
  • mariapia in Lower East
         Side, Suisse-IT-NYC

  • nyc.metblogs
  • Jessica, Vanessa, Ann,
         Samhita, Celina, Jen

  • chrisdiclerico professional
         amateur

  • anellidifumo Toronto
  • jewishatheist
  • Martin Fuchs (Bronx)
         photoblog

  • Maude Newton NYC
  • Raccoon Chronicle
        Sarah, Orange County
  • Jeremy Lipking
  • Armani Gin
        tunio
  • Jeremy Lipking
  • MIT PressLog
  •      
     
    5 FINTI ETNICISMI
    .1 Blog Parte-nopei
  • francesconardi: o' Nicce
        'e Palazzo a Spuntatore:
        "Uagliu', capimmece: o'
        polonio nun v'o' putite
        fuma'."

  • Alcestis (Nausicaa)
        Chilla do' Nicce.

  • giorgiodasebenico SOCIO
  • egine milanesenonanapoli
        CONSOCIO

  • pasqualedigennaro poeta
  • Studium (F) taglia 42
  • raissa puro wit
  • miele98 hun
  • ciromonacella ' munaciell'
  • La nonsolorossi
  • tantorumorepernulla
  • bloggerperfecto marzia
  • Il blog del pensatoio
  • Vulvia ora et labora
  • Saranno troppo famosi
  • ARONNE APAPISTA
  • Teresa
  • CuncettaMente, Concetta?
  • FRANCO CUOMO,
        interfaceworld


  • 2&3. Etruschi &
    liguri-provenzali
  • vecuvia la vulciana
        concittadina di Clooney

  • ERASMO Desiderius
  • INOZ buttero economista
  • revanche WALKA
         il ligure-provenzale

  • SECONDLIFE Nina
  • 1PS unaperfettastronza
         ma lo dice lei

  • venere belle immagini
  • pantoufle Maimoni
        Sinis in Toscana

  • Prof. Dago-bertis
        Psicopatologo
        dell'Università
        di Jena

  • Red.Cac. & Erasmo

  • .4&5 Sionismi, diaspore &C
  • LA esperimento di dialogo
  • brucaliffo the JAP
  • jewishatheist
        Former Orthodox

  • ilblogdibarbara ex-cognata
  • lilit Persia
  • nasigoreng south-east
  • liberaliperisraele news
  • ilpunto equilibrio
  • ilsignoredeglianelli
  • devarim sul monte
  •      
     
    Think Thank Roundtable
  • LE SPECCHIO poetico
  • bazardelleparole Gadda
         de' veneti

  • Marcoz il fine giustifica
        il me

  • topgonzo
  • ECO DI SIRENE
  • anniehall Valeria Paris
  • I ciechi con l' elefante
        ALBA in blogspot

  • nocturama'z new-blog
  • gialloenero the best
         gal noir noir

  • unafacciainprestito
         contiana dalemiana

  • NEFELI dal Tom Wait'z Bar
  • jacobandtheangel
        l' angelica Uzi

  • bluewitch blog oasi
  • serafico e sapiente
  • botteghecolorcannella
  • attentialcane
  • mangoroso buone recipes
  • muffin la gateau radical
  • aegaion neo Sarah
         Bernard animalista

  • IOESISTO un bagno
         a Is Arenas

  • massimocoppa un
         buon giornalografo

  • professionespia
  • senzafreni2 lavendetta
  • rikkMoCinema
  • Alice desaparecidos
  • EMMA Milano Valencia
  •      
    Trowels, Mazzini, Garibaldi & affini
  • clos e cinema cinema
  • sagredo in bicicletta
  • agiamo! Monica, l' arte.
        Lombarda per Sgarbi

  • Vittorio Sgarbi, artista
        della critica d' arte.

  • martinrua bro napulitano
  • lucabagatin hi Garibaldi!
  •      
    Politicanti in Politics
  • The DEMOCRATIC
        Party Blog

  • GOP BLOG
  • Gianni Vernetti
        Sottosegr. agli Esteri

  • VIAGGIO.. l'inizio di un ..
  • aldotorchiaro ALDUX
  • POVEROBUCHARIN
  • VALERIO PIERONI
  • ricordiamocene Jac
  • champion Milano
  • MARIAGRAZIA
         dalema&gadda

  • valmadlene (Lagavulin)
  • the right nation Sindaco
  • PA "... strada sbagliata
         per nobili motivi"

  • arsenico & Hi-Jack buono
  • baol Terrific!
  • quartieri (bassifondi)
  • vaicolmambo multi-blog
  • titollo
  • KILOMBO metablog
  • TOQUE-VILLE metablog
  •      

    Clicca sopra: vedi e ascolti
    Times Square adesso!

    SUNDAY COON MEMORABILI
    .1 USA: TURISTA SIENTA'AMME!
    guide
    ¿ N°1O Click? Dal Montana (aprile 2005)
    Impara tutto su Big Sky Country, lo Stato cinema-cinema che lega Presidenti e mangia carni piemontesi e toscane. In più impari l'arte.. E le migliori webcam dello Stato più bello d' America. Poi con St. Mary webcam puoi vedere dal vivo gli Elk (è il cervo americano) Click!

    ¿ N°7 dal Connecticut(febbraio 2005)
    Philip Roth stanato
    sul lago Waramaug. Foxwood il più grande Casino d'America e Pequote (non Mohicani) gli Indiani più ricchi di US Click!


    ¿ N°9 da South Dakota (marzo 2005)
    Da Eagle Butte a Mt Rushumore facendo gli indiani con Crazy Horse che è sosia di Marco Pannella Click!

    ¿ N°8 San Valentino 2005
    a Manhattan, ma tu senza belly-dancer.
    E Love potion secondo gli uomini medicina Soshone, Algonquin, Mowak, Cherokee, e Passamaquoddy: La Filipendula rubra o Queen of the prairie che in più è anche meglio di Viagra. Click!

    ¿ N°14 dall' Oregon (settembre 2005)
    l' unico stato con bandiera double face - Marcello Pera vince sulla Mora - e che ha sindaci marxisti Click!

    ¿ N°15 dal Minnesota
    numero ridotto. Ma conoscerai lo sheriffo di Mist County e le prese per il culo di Garrison Keillor. Click!

    ¿ Breve supplemento da Wyoming
    Wind River County, alci & shoshones & arapaho. E se sei anticaccia stai contro gli indiani. Click!
    .2 SUPPLEMENTO GRANDE CINEMA:
    (recensioni)
    . In assoluto i due migliori film di Natale della storia del cinema: volendo bene a un raccoon in tutte le lingue del mondo financo nel cerchio della morte.

    . Maialate all' ordre du jour: sesso e "Pussy for dummies".

    Omaggio e dritte su Artie J. Mitchell e il suo "The Grafenberg Spot" del 1985 e a Michael Beckerman (Michael L. Raso da Jersey City NJ) presidente dell' ei Independent Cinema. Poi apoteosi per Vicky Vickers , aka Raven, porno diva preferita dai coon.




    . "Il Caymano" ovvero Affida una lacrima al vento (2004)

    L' esordiente (in italo belga nato in sud Tirolo, grande attesa tra le voci antiche della canzone dell' emigrazione. Con echi di Mino Guerrini: "Riuscirà l'avvocato Franco Benenato a sconfiggere il suo acerrimo nemico il pretore Ciccio De Ingras?" del 1971).




    . Le donne e la Famiglia nel festival di Joskinville 2006: Le Marie Antoinette e le dolci nipoti Sissi delle M.me Bovary



    . Silent Movie 1976 e la campagna elettorale 2006. Would you mind dancing with a mild-mannered pervert?

    .3 SUPPLEMENTI COOLTURA ALTA:
    Data under construction
         


    "Ci dovrebbe essere un
     Lower East Side nella
     vita di ognuno di noi
    "
    Irving Berlin
    ***

    "... di quel lower east side 1910 che non fosse segnato...
    il rettangolo compreso fra la Bowery, East 4th Street, Second Avenue e East 3rd Street contava quattro saloon, cinque caffè, due club, tre teatri .....
    America e Germania e Irlanda e Italia e Russia e Cina, protestanti e cattolici e ebrei e confuciani, inglese e yiddish e tedesco e italiano e cantonese ...
    dove per tanti anni aveva abitato il poeta W.H. Auden e nell' immaginarlo ciabattare - i piedi doloranti nelle grosse pantofole - attraverso le stanze ingombre di libri del suo appartamento, preso dalla stesura del libretto per il Rake' Progress di Stravinskij , o navigare britannicamente distaccato - la faccia rugosa, ogni linea un verso - nella psichedelica confusione degli anni sessanta , in quello che per lui era sempre stato il "Lower East Side" e mai l'"East Village"; e poi nello scoprire che , nel 1917, nel seminterrato dello stesso edificio, c'erano stati gli uffici del "Novy Mir", pubblicato a New York da tre esuli di nome Nicholaj Bucharin, Alexandra Kollontaj e Leone Trotskij, e nell' immaginarmi il fervore di vita politica cinque gradini sotto il livello della strada, l'entusiasmo irrefrenabile alle prima notizie dei moti rivoluzionari..."

    da Mario Maffi
    NEW YORK,
    L' isola tra le colline

    Feltrinelli 2003
         
         


    A coonz' Anthem:

    ¿UN CLICK PER ASCOLTARLO!

    ***

    "... Well the smart money's on Harlow and the moon is in the street
    And the shadow boys are breaking all the laws
    And you're east of East Saint Louis and the wind is making speeches
    And the rain sounds like a round of applause
    And Napoleon is weeping in a carnival saloon
    His invisible fiancee's in the mirror
    And the band is going home, it's raining hammers, it's raining nails
    And it's true there's nothing left for him down here

    And it's time time time, and it's time time time
    And it's time time time that you love
    And it's time time time

    And they all pretend they're orphans and their memory's like a train
    You can see it getting smaller as it pulls away
    And the things you can't remember tell the things you can't forget
    That history puts a saint in every dream

    Well she said she'd stick around until the bandages came off
    But these mama's boys just don't know when to quit
    And Mathilda asks the sailors "Are those dreams or are those prayers?"
    So close your eyes, son, and this won't hurt a bit

    Oh it's time time time, and it's time time time
    And it's time time time that you love
    And it's time time time

    Well things are pretty lousy for a calendar girl
    The boys just dive right off the cars and splash into the street
    And when they're on a roll she pulls a razor from her boot
    And a thousand pigeons fall around her feet

    So put a candle in the window and a kiss upon his lips
    As the dish outside the window fills with rain
    Just like a stranger with the weeds in your heart
    And pay the fiddler off 'til I come back again

    Oh it's time time time, and it's time time time
    And it's time time time that you love
    And it's time time time
    And it's time time time, and it's time time time ...


    Time, Tom Waits:

    UN CLICK PER ASCOLTARLO!

         
    .
    Winona Rider















    philipmazzei.ilcannocchiale.it:
    Users online

    chat.ilcannocchiale.it:
    Users online