Blog: http://raccoon.ilcannocchiale.it

Eccezzziunalmente Monday Coon!: Cai Guo Qiang, Papa, Telecom, Iran e cose mie.


.. ca mme mantene 'sta malincunia...
Chiove a zeffunno, Ninetta mia...
E' uttombre quase...vierno mme pare:
jurnate fredde, nuttate amare ..

Cineserie popolari, ma anche Americane

Cai Guo Qiang. Fino a ottobre lo trovi a NYC (Metropolitan Museum of Art, Transparent Monument), a Shawinigan Canada (National Gallery, con Long Scroll) e anche a Berlino (Deutsche Guggenheim, Head on).

. Fuochi artificiali, sculture - a fungo - di nuvole, tempo permettendo. Cai Guo Qiang da Quanzhou, nella provincia del Fujian, ma niuiorchese (e californiano) onorario è un "interprete del suo tempo" - l'espressione più puzzolente che i media applicano a chiunque quando non sanno proprio che cazzo dire - e a Cai Guo ho immediatamente pensato leggendo le notizie Iran, Papa/Islam e Telecom della settimana passata. Più che le 2 cose che ho messo qui ho visto i suoi fuochi artificiali (Londra e Manhattan) scomodando bout i suoi firework - come ha fatto nel 2002 una colta-sgallettata giornalista limey - anche Theodor Wiesengrund Adorno (azz!).


Fireworks e sostanza 1. Telecom. ISDN della telefonicara italiana mi fottè almeno 2 o 3 milioni nel 2001: ero via, pagamenti automatici in banca, storie di call center, di contratti ambigui &c. Poi in Italia
l' adsl e infine Fastweb mi tutelarono dalla monnezza telecomme. Del fatto che a presiederla sia uno che si scopa Afef oppure uno che va allo stadio con la figlia e se l' intende con Prodi me ne strafotto. Che il governo ci metta il becco invece mi sconfinfera. Bisogna che Prodi ci metta il becco (non come Mussolini alla Commerciale quando vi impose il marito della Sarfatti), dicevo: ci metta il becco per rimuovere gli ostacoli (telecom) al digital divide italiano, per adeguare le tariffe al resto dell' Europa - gli italiani mollano plata molte volte di più di ogni altro europeo - e infine per liberalizzare davvero linee, concorrenza e mercato telefonico. Questa è la sostanza per l'utenza, il resto è sbobba da gazzettieri bi-polari oppure son giochetti d' opposizione.



Fireworks e sostanza 2. Papa, Islam e gaffe (?) di Ratisbona (Regensburg). Premetto che rispetto gli Islam e i Cristianesimi esattamente quanto questi rispettano atei e/o agnostici cummammè. É un fatto di gentile coerenza e reciprocità. Premetto ancora che l'idea del mettere a rischio gli amministrati dal mio amico Uòlter V. e le belle pietre romane mi terrorizza. MA - proprio come penso capiti ai teo-con alla puttanesca: Pera, un mio cugino di ramo post-marrano che a Lourdes si è sfangato la meningite (dice lui) e Ferrara &c - mi ha fatto inorridire il fatto che le critiche a Ratzi siano venute da Stati e Governi più che da autorità religiose (il re del Marocco ha persino richiamato l' ambasciatore in Vaticano). Sì per una volta sono forse daccordo con Pera: contro il Papa cosa c'entrano Governi e Stati? Esecutivi e Legislativi dovrebbero tenersi alla larga dalle affabulazioni religiose perchè è soprattutto questo lo spirito dell' Occidente: la sua Democrazia esportabile! o no?



Fireworks e sostanza 3. Il nucleare iraniano e l' "equilibrio atomico" mediorientale. C'è chi sostiene - e Ugo Intini è in grado di documentarlo - che se il governo israeliano ha missili a testata nucleare li deve avere anche il governo iraniano creandosi così in medio-oriente lo stesso equilibrio di distruzione totale che garantì la pace armata nella Guerra Fredda. Per le mezze seghe che
si attaccano agli slogan sconclusionati il ragionamente è a burro e alici. La sostanza è che l' Iran, anche a differenza di Nord Corea, dichiara di voler cancellare dal mappamondo
uno stato sovrano - Israele - e non la mette nemmeno giù tanto buona per il mondo non sciiti-islamizzato a portata di missile o più distante .. Fai un po' tu!






AGGIORNAMENTO del 9.19.06.!!!!

Non ha avuto la prima del Rifo, avrà la prima del numero unico Monday Coon: É del 18 settembre, è uno dei Dardi di Nardi che, per gentile concessione di 'o Nicce 'e Palazzo a spuntatore, pubblichiamo anche qui.

Rovati. Lui li ha fatti, lui li ha firmati.

Rovati è stato frainteso: il progetto di statalizzare la telefonia fissa era solo una citazione di un modello medievale.





Auguri, ringraziamenti e piccola posta personale

Auguri. Buon lavoro a Torino al carissimo "Vicario" de la République maurienne. Ho saputo solo oggi che c'è da un mese, me lo vedevo ancora per ricciole e serra nei mari di Sicilia invece è lassù (lassù perchè Torino è molto più a nord di Toronto) a mangiar gianduja. Per pescare dovrà farsi la licenza e insidiar trote e temoli sciapi e anche oramai rari. Gli auguro di non incontrare mai torinesi imbarazzanti, ma se proprio si imbatte in Introvigne veda di aver cornetti o zampette di coniglio e in caso contrario si strizzi
le stelle.

Ringraziamenti (e un libro). Incontrare, anche solo una volta all' anno, Roberto Sinigaglia è sempre un piacere dello spirito. Inoltre, ogni volta, Roberto mi regala cose e fatti della sua vita convulsa mentre insieme si sta quasi sempre correndo. Viaggi, visite e presentazioni. Ieri mi ha raccontato che a Poggio a Caiano, luogo di nascita di un nostro comune mito americano, hanno fatto un fumetto su Philip Mazzei: penso che gli amministratori di un sito in costruzione ne debbano tener conto. Ma quella che mi ha intrigato di più ieri sera è stata una "sua" cronaca di Romania con la quasi centenaria, ora israeliana, Anna Colombo, "gran bella ragazza - dice lui - fino a qualche decennio fa'!". Non avevo letto "Gli ebrei hanno sei dita", grazie a Sinigaglia oggi l' ho comprato. ".. La mia ebraicità - dice la Colombo - è intrisa di laicismo..". Sì è il caso che lo legga anche tu!

Piccola posta. Senatori a vita. Caro Giorgio. La prevista scomparsa della signora Fallaci toglie ogni candidato alle destre. Nessuno per cui valga la pena e i calderoli di raccogliere firme di pressione perchè sia fatto senatore a vita. Torna perciò in pista la proposta che, dopo un sondaggio bi-partisan, proprio questo blog fece al tuo amico e predecessore Carlo Azelio: É il momento di ripensare a Paolo Conte (alla pari nel sondaggio arrivò Marco Pannella e secondo Vittorio Zucconi: se ti restano tempi e posti rifletti ..).
La pur così importante canzone italiana non è
mai rappresentata nel Legislativo e non solo, ti ricordo inoltre che Paolo Conte quando è in America fa impazzire soprattutto il pubblico wasp, quando va in Francia i francesi e in Inghilterra gli inglesi. É una candidatura globale, è una candidatura di quel nord laborioso che secondo Massimo Cacciari non è "ascoltato" abbastanza. Cari saluti. Tuo Coon.

Piccola posta. Tornando a Cai Guo Qiang. Cara Carmè. Ieri c'erano few clouds e per di più era domenica perciò non sei andata sul roof del MET a vedere Transparent Monument. Mi piacerebbe andarci insieme, ma sarò a NYC quando sarà finito. Vacci almeno tu e in buona compagnia perchè la Cina è più vicina lassù, io intanto mi godo in internet la cronaca dei tuoi successi in didattica del belly dènsin'. Take care.



Con Cai non c'entra ma, gratis, vediti L' Orca e i Kayak cliccando qui

Pubblicato il 18/9/2006 alle 12.25 nella rubrica Sunday Coon Numeri arretrati.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web